17/07/2021 – “Tra acqua e cielo” nuovo sentiero natura – Colle del Santuario della Madonna della Rocca – Cornuda (TV)

E’ NATO IERI UN NUOVO SPLENDIDO SENTIERO NATURA A CORNUDA, NEL COLLE DEL SANTUARIO DELLA MADONNA DI ROCCA, CHE ABBIAMO INTITOLATO “TRA ACQUA E CIELO”.
La prima fase della nostra esplorazione del paesaggio vegetale di questo meraviglioso colle, iniziata il 27 febbraio 2021, con una nostra escursione ogni 15 giorni circa, ieri ha estrapolato dalla rete dei sentieri, un percorso di circa 4 Km. che parte accanto al Torrente “Ru bianco”, sale sul colle, ridiscende dal versante meridionale e torna a Cornuda, via San Martino.
La valenze di questo sentiero natura sono principalmente naturalistiche, storiche, paesaggistiche. Splendido libro aperto sulla natura, ad iniziare dal torrente, dal fittissimo bosco, dalla carreggiata che è incorniciata a destra ed a sinistra da una serie ininterrotta di specie erbacee, arbustive ed arboree stupende, di grande pregio, in ogni stagione. Un primo nostro dono agli appassionali la lista delle specie che allego(scusate gli errori, ma devo rivederla con calma) determinate fino ad oggi. Sia ringraziato il Signore per questo dono che presenteremo a Settembre alla Scuole di Cornuda, con le relative mappe e profili altimetrici che stiamo preparando. Spero di vedere tanti bambini e ragazzi con i loro insegnanti su questo percorso, per rendere grazie alla Madonna del Santuario per tanta bellezza, grandezza e mistero racchiusi in questo colle, icona della bellezza, grandezza e mistero del nostro Creatore. Diacono Bruno Martino
AMICI DEL SANTUARIO DELLA MADONNA Di ROCCA-CORNUDA – Sezione Naturalistica
°°°°°°°°°°°°°°°°°°°
Piante erbacee, arbustive ed arboree determinate dal 27 Febbraio 2021 al 17 Luglio 2021
SPECIE ERBACEE:
1) Epatica (Hepatica nobilis Miller – Ranuncolaceae)
2) Elleboro Nero o Rosa di Natale – (Helleborus Niger L. – Ranuncolaceae)
3) Elleboro verde- (Helleborus viridis L. – Ranuncolaceae)
4) Elleboro odoroso – (Helleborus odorus W. et K. – Ranuncolaceae)
5) Primula – (Primula vulgaris Hudson – Primulaceae).
6) Bucaneve campanellino – (Leucojum vernum L. – Amaryllidaceae
7) Barbone o Dente di cane – (Erytronium dens-canis L. – Liliaceae).
8) Pulmonaria maggiore – (Pulmonaria officinalis L. – Borraginaceae)
9) Ciclamino delle Alpi – Cyclamen purpurascens Miller – Primulaceae)
10) Viola mammola – (Viola odorata L. – Violaceae).
11) Viola cfr.silvestre – (Viola cfr. Reichembachiana Jordan ex Bureau – Violaceae)
12) Viola bianca (Viola alba Besser – Violaceae)
13) Viola cfr. selvatica – (Viola canina L. – Violaceae)
14) Veronica comune – (Veronica chamaedrys L. – Scrophularaceae)
15) Celidonia o Erba porraia – (Chelidonium majus L. – Papaveraceae)
16) Pungitopo – (Ruscus aculeatus L. – Asparagaceae)
17) Aglio ursino – (Allium ursinum L. – Amaryllidaceae).
18) Erba cipollina –(Allium schoenoprasum L – Amaryllidaceae)
19) Epimedio alpino – (Epimedium alpinum L. – Berberidiaceae)
20) Pilosella – (Hieracium pilosella L. – Compositae)
21) Radichiella di palude – ( Aposeris foetida L. (Less) – Compositae).
22) Mercorella comune – (Mercurialis annua L. – Euphorbiaceae)
23) Colchico d’Autunno – (Colchicum autumnale L. – Colchicaceae)
24) Timo serpillo – (Thymus serphyllum L. aggr, – Labiatae)
25) Borrana – (Omphalodes verna Moench – Boraginaceae)
26) Cerretta (Serratula tintoria L. – Compositae)
27) Geranio di San Roberto o Erba Roberta (Geranium robertianum L. Geraniaceae)
28) Eliantemo comune magg. – (Heliantemum nummularium (L.) – Miller – Cistaceae)
29) Falsa ortica maggiore. – (Lamium orvala L. – Labiatae)
30) Canapetta campestre – (Galeopsis segetumNecker – Canapetta campestre)
31) Camedrio comune – (Teucrium chamaedrys L. – Labiatae)
32) Bugula – (Ajuga reptans L. – Labiatae).
33) Bugula ginevrina – (Ajuga genevensis L. – Labiatae).
34) Sparviere dei boschi -(Hieracium sylvaticum (L.)L. – Compositae
35) Enula aspra – (Inula salicina L. – Compositae).
36) Vincetossico comune – (Vincetoxicum hirundinaria Medicus – Asclepidiaceae).
37) Ambretta dei querceti – (Knautia drymaia Heuffel – Dipsacaceae)
38) Veronica maggiore – (Veronica teucrium L. – Plantaginaceae)
39) Veronica comune – (Veronica chamaedrys L. – Plantaginaceae)
40) Veratro nero – (Cfr. Veratrum nigrum L. – Melianthaceae)
41) Vedovella dei prati: (Globularia elongata Hegetsc. – Globulariaceae)
42) Asparago selvatico – (Asparagus tenuifolius Lam. – Asparagaceae)
43) Uva di volpe – (Paris quadrifolia L. – Melianthaceae)
44) Cinquefoglia – (Potentilla sp. – Rosaceae)
45) ORCHIDEA: Listera maggiore – (Listera ovata R.Br. – Orchidaceae)
46) ORCHIDEA: Fior di legna – (Limodorum abortivum (L.) Swartz – Orchidaceae
47) ORCHIDEA: Cefalantera maggiore – (Cephalantera longifolia (Hudson)Fritsh –Orchidaceae)
48) ORCHIDEA: Orchidea insettifera – (Ophrys insectifera L. – Orchidaceae)
49) ORCHIDEA: Orchidea screziata – (Neotinea tridentata Scop. –Orchidaceae)
50) ORCHIDEA: Nido d’uccello – (Neottia nidus-avis (L.)L.C.Rich. – Orchidaceae).
51) ORCHIDEA: Orchidea militare – (Orchis militaris L. – Orchidaceae).
52) ORCHIDEA: Cefalantera bianca -(Cephalantera damasonium (Miller) Druce – Orchidaceae)
53) ORCHIDEA: Ofride fior delle api – (Ophrys apifera Hudson-Orchidaceae)
54) ORCHIDEA: Orchide piramidale – (Anacamptis pyramidalis (L.)L.C.Rich.-Orchidaceae)
55) ORCHIDEA: Elleborine violacea – (Epipactis cfr.atrorubens(Hoffm).- Orchidaceae)
56) ORCHIDEA: Elleborine comune- (Epipactis helleborine(L) Crantz agg.-Orchidaceae)
57) Anemone dei boschi – (Anemonoides nemorosa ((L.) Holub – Ranunculaceae)
58) Anemone trifogliata – ( Anemonoides trifolia (L.) Holub – Ranunculaceae)
59) Euforbia delle faggete – Euphorbia amygdaloides L. – Euphorbiaceae).
60) Ortica comune . (Urtica dioica L. – Urticaceae)
61) Salvia vischiosa – (Salvia glutinosa L. – Labiatae
62) Alliaria – (Alliaria petolata (Bieb) Cavara et Grande – Cruciferae
63) Cicerchia primaticcia – (Lathyrus vernus (L. Bernh.) –Leguminosae)
64) Fragola comune – (Fragraria vescia L. – Rosaceae)
65) Citiso purpureo – (Cytisus purpureus Scop. – Leguminosae)
66) Sferracavallo comune – (Hyppocrepis comosa L. – Leguminosae)
67) Euforbia delle faggete – Euphorbia amygdaloides L. – Euphorbiaceae).
68) Ortica comune . (Urtica dioica L. – Urticaceae)
69) Attaccaveste – (Galiun aparine L. – Rubiaceae).
70) Erba Limona o Bocca di Lupo – (Melittis melissophyllum L. – Labiatae)
71) Calcatreppolo ametistina – Eryngium amethhystinum L. –Umbellifeae)
72) Tamaro – Tamus communis L. – Dioscoriaceae
73) Lampascione – (Leopoldia coosa (L.)Parl. – Asparagaceae)
74) Vetriola comune – (Parietaria officinalis L. – Urticaceae)
75) Non-ti-scordar-di-me dei boschi – (Myosotys sylvatica Hoffm – Boraginaceae)
76) Ranuncolo dei boschi – (Ranuncuus bulbosus L.-Ranunculaceae)
77) Strigoli – (Silene vulgaris subsp. Vulgaris (Moench) Garcke – Caryophyllaceae)
78) Silene bianca – (Silene alba (Miller) Krause – Caryophyllaceae)
79) Silene ciondola – (Silene nutans L. – Caryophyllaceae)
80) Poligala comune – (Polygala vulgaris L. – Polygalaceae)
81) Asteroide salicina – (Buphtalmum salicifolium L. – Compositae).
82) Miglio ondulato – (Oplismenus ondulatifolius (Ar.)Beauv – Graminae)
83) Valeriana officinale – (Valeriana officinalis L. – Valerianeceae).
84) Carice pendula – (Carex pendula Huds – Cyperaceae).
85) Panace comune – (Heracleum sphondylium L. – Umbelliferae).
86) Equiseto dei campi (Equisetum arvense L. – Equisetaceae).
87) Equiseto massimo (Equisetum telmateja Ehrh. – Equisetaceae).
88) Pigamo colombino (Thalictrum aquilegifolium L. – Ranunculaceae).
89) Pigamo steppico (Thalictrum cfr. saxatileDC – Ranunculaceae).
90) Fumaria – (Fumaria officinalis L. – Fumariaceae).
91) Stregona dei boschi – (Stachys sylvatica L. – Labiatae).
92) Viperina azzurra – (Echium vulgare L. – Boraginaceae).
93) Centonchio dei campi – (Anagallis arvensis L- – Primulaceae).
94) Geranio sanguineo – (Geranium sanguineum – Geraniaceae).
95) Trifoglio rosso o incarnato – (Trifolium incarnatum L. – Leguminosae).
96) Citiso peloso – (Cytisus hirsutus (L.)Link. – Leguminosae).
97) Giglio rosso – (Lilium bulbiferum subsp. bulbiferum L. – Liliaceae).
98) Campanula della Carnia – (Campanula carnica Mert. & W.D.J.Koch-Campanulaceae)
99) Campanula selvatica –(Campanula trachelium L. – Campanulaceae)
100) Carota selvatica – (Daucus carota L. – Umbellifarae)
101) Villucchio comune – (Convolvulus arvensis L. – Convolvulaceae)
102) Vedovina a foglie sottili – (Scabiosa gramunthia L. –Dipsacaceae).
103) Vedovina selvatica – (Scabiosa columbaria L. – Dipsacaceae)
104) Clinopodio – (Clinopodium vulgare L. – Labiatae).
105) Imperatoria apio-montana – (Peucedanum oroselinum (L.) Moench-Umbelliferae)
106) Caglio bianco – (Galium album Miller – Scrophularaceae).
107) Verbasco nero- (Verbascum nigrum L. – Scrophularaceae)
108) Verbasco nero var. album (bianco)- (Verbascum nigrum L. var. album– Scrophularaceae)
109) Cardo dei prati) – (Carduus sp. -Compositae)
110) Verga d’oro maggiore – (Solidago gigantea Alton – Compositae)
111) Morella comune – (Solanum nigrum L. – Solanaceae)
112) Citiso scuro – (Lembotropis nigricans (L.)Griseb – Leguminosae)
113) Centaurea minore – (Centaurium erytraea Rapn. – Gentianaceae).
114) Trifoglino erbaceo – (Doricnyum herbaceum Vill. – Leguminosae)
115) Lino purgativo – (Linum catharticum Vill. – Linaceae)
116) Caglio zolfino – (Galium verum L. subsp. verum – Rubiaceae).
117) Fiordaliso vedovino – (Centaurea scabiosa L.- Compositae).
118) Aglio – (Allium sp. – Amaryllidaceae)
119) Asfodelo minore –(Anthericum ramosum L. – Asparagaceae)
SPECIE ARBUSTIVE:
120) Ginepro – (Juniperus communis L. – Cupressaceae)
121) Corniolo – (Cornus mas L. Cornaceae
122) Buddleja di David – (Buddleja davidii Franch – Buddlejaceae)
123) Biancospino – Crataegus monogyna L.) – Rosaceae
124) Caprifoglio sp. – (Lonicera sp) – A fioritura metterò la specie.
125) Fior di stecco – (Daphne mezereum L. – Thymelaeaceae)
126) Viburno Lantana – (Viburnum lantana L. – Caprifoliaceae)
127) Ligustro olivello – (Ligustrum vulgare L. – Oleaceae
128) Rosa selvatica – (Gr. Rosa canina – Rosaceae)
129) Prugnolo – (Prunus spinosa L. – Rosaceae)
130) Edera comune – (Hedera helix L.- Araliaceae).
131) Cornetta ginestrina – (Coronilla varia L. – Leguminosae).
132) Citiso scuro – (Lembotropis nigricans (L.) Griseb. – Leguminosae)
133) Trifoglio rosso – (Trifolium pratense L. – Leguminosae).
134) Salice delle capre o salicone – (Salix caprea L. – Salicaceae)
ALCUNE FELCI:
135) Asplenio tricoma o dei muri. – (Asplenium trichomanes L. – Aspleniaceae)
136) Ruta dei muri –(Asplenium ruta.muraria L. – Aspleniaceae)
137) Scolopendrio o Lingua di Cervo – (Phyllitis scolopendrium (L.) Newman – Aspleniaceae)
138) Felce aculeata – (Polysticum aculeatum (L.) Roth. – Aspidiaceae)
139) Felce di Fortune – (Cyrtomium fortunei J. Sm. – Dryopteridaceae)
140) Felce femmina – (Athyrium filix-foemina (L.) Roth –Athyriaceae)
141) Felce maschio – (Dryopteris filix max (L.)Schott – Aspidiaceae)
ALCUNI ALBERI:
142) Pioppo nero – (Popolus nigra L. – Salicaceae)
143) Pioppo tremulo – (Populus tremula L. – Salicaceae)
144) Pioppo cfr. bianco (Populus alba – Salicaceae)
145) Acacia – (Robinia pseudacacia L- Leguminosae)
146) Pino Nero – (Pinus nigra J.F.Arnold – Pinaceae)
147) Carpino Nero – (Ostrya carpinifolia Scop. – Corylaceae)
148) Carpino Bianco – (Carpinus betulus L. –Corylaceae)
149) Orniello – (Ornus fraxinus L. – Oleaceae)
150) Frassino maggiore o Frassino comune (Fraxinus excelsior L.- Oleaceae.)
151) Alloro – (Laurus nobilis L. – Lauraceae)
152) Nocciolo comune – (Corylus avellana L. – Corylaceae)
153) Acero montano – (Acer pseudoplatanus L.- Aceraceae)
154) Roverella – (Quercus pubescens Willd. – Fagaceae
155) Castagno comune – (Castanea sativa Miller – Fagaceae)
156) Albero del Paradiso – (Ailanthus altissima (Miller) Swingle – Simaroubaceae).
157) Olmo di montagna – (Ulmus glabra Hudson – Ulmaceae)
158) Olmo comune – (Ulmus minor Miller – Ulmaceae)
159) Bagolaro comune – (Celtis australis L. – Cannabaceae)
160) Maggiociondolo – (Laburnum anagyroides Medicus – Leguminosae).
161) Platano comune – (Platanus cfr. hybrida Brot. – Platanaceae)
162) Ontano comune – (Alnus glutinosa (L. Gaertner – Betulaceae).
163) Gelso bianco o nero (controllare con frutto) (Morus alba o nigra L. – Moraceae)
164) Sorbo montano o farinaccio- (Sorbus aria (L.) Crantz –Rosaceae).
165) Frangola comune – Frangula alnus Miller – Rhamnaceae).
166) Farnia – (Quercus robur L.ss. – Fagaceae).
SPECIE NON AUTOCTONE NATURALIZZATE NELLE IMMEDIATE VICINANZE DEL SANTUARIO
Inserisco questa nuova serie molto interessante di piante non autoctone probabilmente messe a dimora da suore o visitatori per devozione ma non per questo poco interessanti. Al momento sono:
A) Una margherita che si sta diffondendo molto sulla zona accanto alla casetta ad occidente delle suore ed accanto alle mura: Erigeron karvinskianus (Compositae)
😎 Una bulbosa – del genere Scilla (alta con il fiore circa 50cm).
C) Una bulbosa – non riesco ad identificarla, ha solo un pezzo di fiore, vedremo ancora.
D) Una bulbosa bellissima, originale: Dichelostemma ida-maia – Asparagaceae – Viene dalla California.
E) IRIS barbata germanica diversi esemplari.
F) ERBA VIPERINA GIGANTE , sotto le mura a meridione
Diacono Bruno Martino

08/07/2021 – Disabilità (minorenni) – Cooperativa Vita e Lavoro – Ca’ Falieri – Asolo (TV)

E’ questo il mio appuntamento fisso del Giovedì pomeriggio e ieri ho avuto una grande soddisfazione… Ai ragazzi, per tre lezioni, ho mostrato nel grande storico arco della villa Ca’ Falier, i fiori residui di questa Estate, compreso alcuni del giardino: hanno già imparato tutti i loro nomi!!!! Incredibile, meraviglioso, bravissimi… Ed anche storie ed aneddoti che ho loro insegnato…Grande gioia per me e per i bravissimi operatori.
Questa loro attenzione contribuirà ad aprire loro nuove “finestre” di emozione e di relazione ed è questo che desideriamo.
Questi delle mie foto sono solo alcuni dei fiori che riconoscono nel prato e nel sottobosco e che chiamano correttamente per nome accarezzandoli: Ortensia, Erba soldina, Agrifoglio, Prunella, Ranuncolo… Sì, ieri mi hanno proprio donato un grande gioia del cuore…
Sia ringraziato il Signore anche per questo grande dono.
Diacono Bruno Martino

05/07/2021 – Primo incontro con i ragazzi dell’Estate ARABAM – Fondazione Pirani-Cremona – Bassano

Ieri mattina primo mio incontro di luglio con i bambini della Fondazione Pirani-Cremona di Bassano.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante 2 persone, bambino, persone in piedi, parco e albero
Una gioia per me incontrare i bambini della Fondazione, cosa che farò ancora per tutti i Martedi di Luglio con il compito di parlare loro di fiori, Api e la loro vita, fondamentale per la fecondazione delle piante. Ed anche un onore grande, dopo che essere stato Presidente del Consiglio di Amministrazione dal 1995 al 2011.
Ringrazio il Signore per questo dono, questa opportunità di continuare a servire questa Istituzione benemerita che ha mosso i suoi primi passi nel servizio di misericordia e di accoglienza ai bambini ed adolescenti nel lontano 1750 ed è un esempio di vita e di amore per tutto il Veneto.
Diacono Bruno Martino

02/07/2021 – Presentazione primi risultati della ricerca “Esplorazione del paesaggio vegetale della collina del Santuario della Madonna della Rocca” – Cornuda (TV)

SALA “GIOVANNI XXIII” DELLA PARROCCHIA DI CORNUDA”.
PRESENTAZIONE primi risultati della ricerca della “Esplorazione del paesaggio vegetale della collina del Santuario della Madonna della Rocca”.
Potrebbe essere un'immagine raffigurante attività all'aperto e monumento
Una serata molto bella e partecipata più del previsto quella di ieri sera, nonostante la concomitante partita dell’Italia. Ringrazio il Sindaco di Cornuda per la sua presenza e le sue belle parole, il Rettore del Santuario carissimo don Ado Sartor, Claudio de Lucchi e tutta la sezione naturalistica degli “Amici del Santuario della Madonna di Rocca”, il Parroco don Francesco della splendida Parrocchia per il suo gradito saluto, tutti i presenti. E ringrazio tutti indistintamente per l’attenzione mostrata alla mia esposizione ed alle mie immagini proiettate ed alle belle parole che mi avete dedicato e che ho trovate già scritte sui vostri messaggi stanotte. Veramente una splendida serata. Grazie di cuore anche a Sergio Ballestrin ed Anastasia Sebellin, ideatori del “Cammino naturalistico-devozionale di 100 Km. tra Fede e Natura”, presenti in sala, per la loro gradita presenza e le belle parole di saluto che ci hanno indirizzato.
La seconda serata a Novembre.
Ringraziamo il Signore per tanta gioia.
Diacono Bruno Martino

25/06/2021 – Presentazione cammino naturalistico-devozionale di 100 km – “Tra Fede e Natura” – Asolo (TV)

Presentazione del cammino naturalistico-devozionale, di 100 KM., TRA FEDE E NATURA“, nella bellissima Asolo, uno dei Borghi più belli d’Italia, accolti da ITALIA NOSTRA, dal Presidente Francesco Felline e da numerosi soci, dall’Amministrazione Comunale, da rappresentanti di diversi Comuni, nella splendida “Sala della Ragione” del Museo di Asolo.
E’ stato un onore, insieme a Sergio Ballestrin (nella foto con me) ed Anastasia Sebellin, far conoscere anche la splendida opportunità che questo “Sentiero ad Anello” offre a tutto il comprensorio pedemontano tra i fiumi Brenta e Piave, che riassume e promuove anche tutta la sentieristica realizzata nel territorio negli ultimi 50.

Foto di Mario Libralato del Comune di Fonte (TV)

Questo il mio intervento di ieri sera:
Un cordiale benvenuto a tutti, sono il Diacono Bruno Matino, responsabile del progetto Generale della Unità Pastorale Sinistra Brenta di Bassano del Grappa “Insieme per la salvaguardia del Creato: una proposta aperta a tutti”. E’ in questo grande ed articolato progetto, a nome delle Parrocchie di Santa Maria in Colle, Centro storico di Bassano), San Vito, San Marco e San Leopoldo, che ho accolto ed adottato la splendida idea di Sergio Ballestrin e Anastasia Sebellin, del Cammino Naturalistico-Devozionale “TRA FEDE E NATURA” che nasce e torna al Duomo di Santa Maria in Colle a Bassano dopo i 100 Km. del suo percorso ad anello che abbiamo inaugurato a Bassano in sala Martinovich del Centro Giovanile parrocchiale i primi di Dicembre del 2019.
Mi sia consentito innanzitutto ringraziare di cuore “Italia nostra” ed il suo Presidente Francesco Felline, per avere desiderato ed organizzato la presentazione di questo importante progetto. Un ringraziamento particolare alla Amministrazione Comunale di Asolo che ci ospita e al Vice Sindaco Franco dalla Rosa. Saluto caramente la Signora Renata Giordani che ho l’onore di conoscere e stimare da anni… e ci tengo particolarmente a ricordare anche in questa occasione il Presidente di Italia Nostra credo di Bassano (Non ricordo mi sembra Dr. Baruchello) con il quale mi sono accompagnato fraternamente un quarto di secolo fa (anni 1994/1996) in diverse riunioni a Casa don Paolo Chiavacci facendo parte entrambi a quell’epoca del Comitato di Difesa del Grappa…. Ero allora Presidente della Fondazione Pirani-Cremona di Bassano ed avevo formulato la proposta di creare sul Monte Grappa un Parco Diffuso, a macchia di leopardo, ed avevo messo a disposizione le proprietà della Fondazione: 33 ettari di prato e bosco con le tre strutture che avevamo sul Col Fenilon.
Tornando al Sentiero che presentiamo stasera, è a me apparso subito chiaro che questa idea di cammino naturalistico/devozionale avrebbe incontrato un forte gradimento non solo da parte della Pedemontana e del Veneto, ma ben oltre, ed un sicuro successo, perché i cammini devozionali di lunghezza anche di qualche centinaio di Km da percorrere a piedi sono sempre più richiesti anche e particolarmente dai giovani, perché permettono di fraternizzare fra genti e culture più di ogni altro genere di esperienza similare. Ha sottolineato quanto appena da me affermato anche il Vescovo di Treviso Mons. Michele Tomasi qualche settimana fa che ho incontrato a Treviso ed al quale ho consegnato le relative mappe.
Mi occupo da sempre di progetti per l’ambiente ed ho ideato e portato a realizzazione insieme a Comuni ed associazioni nel nostro comprensorio, sentieri natura come quelli di San Zenone ed altri, l’Oasi San Daniele, la Casa Natura Alpenise ed il Rifugio Alpe Madre sul Monte Grappa, strutture per la disabilità, fattorie sociali, ostelli della gioventù, associazioni, case-famiglia ed anche qui, nel Vicariato di Asolo, su richiesta dei Parroci delle 21 Parroccchie, ho realizzato nel 2013 un Centro d’ascolto Caritas ancor’oggi aperto con una quindicina di operatori. Tanti ed utili progetti, certamente, ma c’era una cosa da me molto desiderata che non ero mai riuscito a realizzare. Fin dal 1970/1971 con le maggiori associazioni a Bassano, parlavamo della necessità di unire in un unico percorso pedonale il Brenta ed il Piave e non ci siamo, ripeto, mai riusciti. Poi ho avuto la buona sorte di incontrare queste due belle e speciali persone, preparatissimi conoscitori ed innamorati della pedemontana e molto di più: Sergio Ballestrin e Anastasia Sebellin, che onorano il nostro comprensorio ed ognuno di noi, e ci offrono su un piatto d’argento, questa idea, e insieme a sindaci, associazioni, persone altre speciali e bellissime di cuore, stiamo cercando di camminare con loro e di realizzare tutto ciò che serve, in autofinanziamento fino ad oggi, per aiutare non solo a consolidare il loro progetto giorno dopo giorno, ma a farlo radicare, istituzionalizzarlo nel territorio, farlo conoscere agli amministratori, alle scuole, alle associazioni, agli enti, alle cooperative, alle persone della strada, alla Diocesi, con tutti i mezzi possibili, perché siamo convinti che questa sia l’idea giusta al momento giusto, fuori dai campanilismi e da buone volontà a… “tempo determinato”, perché il progetto di Sergio e Anastasia lo merita e perché fa da cornice, coniuga e promuove tutto ciò che abbiamo realizzato negli ultimi cinquanta anni nella pedemontana. Una ultima considerazione, di valore per me incommensurabile, è che questo sentiero non crea solo un ponte materico, sentieristico tra Brenta e Piave andata e ritorno, ma UNISCE ENERGIE, IDEALI, PROGETTI, valori, cultura, tradizione, PIENAMENTE E OVUNQUE E, SECONDO CIO’ CHE VEDO E SENTO, E PROPRIO PERCHE’SI DIPANA TRA FEDE E NATURA, STA CREANDO PIU’ DI TANTI ALTRI PROGETTI UNA VICINANZA SPONTANEA TRA LA POPOLAZIONE, ENTI, COMUNI, 2PROVINCE, 3DIOCESI, ASSOCIAZIONI ETC, ed abbiamo appena cominciato purtroppo con molte interruzioni forzate a causa del coronavirus. Tutto questo è dimostrato già ampiamente e ne sia esempio ciò che sta accadendo sul Santuario della Madonna di Rocca a Cornuda, uno dei punti fondamentali del cammino TRA FEDE E NATURA che presentiamo stasera, dove questo progetto ci ha portato subito a fraternizzare con il Rettore del Santuario don Ado Sartor e una quindicina di persone splendide anch’esse di Cornuda, Pederobba, Levada e Onigo innamorate del territorio e della Rocca ed entusiaste tutte del sentiero che presentiamo stasera ed abbiamo iniziato da Febbraio 2021, su richiesta del Rettore, una esplorazione del paesaggio vegetale della relativa collina e faremo una prima relazione pubblica sulle prime 150 specie erbacee arbustive ed arboree finora determinate , il 2 Luglio nella sala del Cinema Giovanni XXIII alle 20.30 a Cornuda.
Ho molta fiducia nel futuro e confido che questo Cammino naturalistico devozionale TRA FEDE E NATURA superi tutti gli ostacoli fisiologici di appartenenza, che elimini gli egoismi e personalismi e che venga aiutato a crescere ed affermarsi. Personalmente farò del tutto perché ciò avvenga. L’ideale, per me, con l’opera catalizzatrice di questo importante Cammino di Sergio e Anastasia, sarebbe quello di porre in un contesto di rete tutto ciò che esiste come sentieristica, Oasi, Biòtopi umidi etc, come fanno le reti museali e presentarsi insieme, ognuno conservando la propria identità ed il proprio statuto, e con i propri progetti ed attività, sullo stesso sito Internet e animarlo con la buona volontà del cuore di noi tutti, dagli amministratori alla gente della strada che cura nel concreto delle necessità quotidiane di manutenzione e sicurezza questi luoghi attrezzati, con la gioia di servire con questi criteri, logiche e modalità, l’deale del bene comune e la salvaguardia e promozione del nostro territorio.
Ringrazio ancora Italia nostra, Presidente e soci, ed inoltre ringrazio di cuore i Sindaci di San Zenone e Mussolente Fabio Marin e Cristiano Montagner che camminano insieme a noi fin dalla inaugurazione a Bassano del 2019. Ringrazio la Associazione Sentieri Natura di San Zenone e il suo presidente Prof. Mario Seminati che ha dato il massimo dell’apporto economico e di cuore, l’Associazione sentieri natura di Mussolente ed il suo Presidente Alessandro Eger che si è prodigato fin dall’inizio con il massimo possibile come vicinanza e come contributo, gli 8 Comuni dei Sentieri degli Ezzelini con il Coordinatore della Commissione Intercomunale Sergio Guidolin con il quale collaboro da molti anni, ringrazio infine I Coordinatori del Progetto Generale “Insieme per la Salvaguardia del Creato di Bassano e le Parrocchie dell’U.P. Sinistra Brenta di Bassano del Grappa stasera rappresentate da me. Saluti cari e complimenti anche da parte di don Enrico e dell’Abate don Adrea Guglielmi della U.P. Sinistra Brenta di Bassano. Vedete già quanti enti, parrocchie, associazioni e persone, si sono strette e riconosciute in questa idea di Sergio e Anastasia.
Diacono Bruno Martino